P.S.R. Dell'Umbria 2014-2022

Misura 7 intervento 7,4,1 Sostegno investimenti creazione/miglioramento- Ampliamento servizi alla popolazione rurale.

Data di pubblicazione:
10 Ottobre 2023
P.S.R. Dell'Umbria 2014-2022

P.S.R. Dell'Umbria 2014-2022

P.S.R. Dell'Umbria 2014-2022

Misura 7 intervento 7,4,1 Sostegno investimenti creazione/miglioramento- Ampliamento servizi alla popolazione rurale.

Si riporta di seguito il link del sito web della Commissione dedicato al FEASR: https://ec.europa.eu/info/food-farming-fisheries/key-policies/ .

 


-    INIZIATIVA FINANZIATA DAL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER L’UMBRIA 2014-2022
-    ORGANISMO RESPONSABILE DELL’INFORMAZIONE: “LA CONSOLAZIONE E.T.A.B.”
-    AUTORITA’ DI GESTIONE: REGIONE UMBRIA – DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO ECONOMICO, AGRICOLTURA, LAVORO, ISTRUZIONE, AGENDA DIGITALE

P.S.R. per l’Umbria 2014-2022 Misura 7 - Sottomisura 7.4 – Intervento 7.4.1: Sostegno investimenti creazione/miglioramento – ampliamento servizi base alla popolazione rurale. Domanda n. 94250186494 del 17/10/2019 - lavori di ristrutturazione edificio sito in Todi, Viale di Montecristo, n.11 
CUP: _ I47E19000030002 _____ Contributo Concesso €. ___196.537,13_______

I lavori effettuati consistono: ristrutturazione edile ed impiantistica di un fabbricato “ex-Essiccatoio” sito nel complesso scolastico denominato Istituto Ciuffelli comprensivo della creazione di un’area verde sita in prossimità dello stesso


Premessa
La Consolazione ETAB è proprietaria tra l'altro di alcuni immobili siti nel complesso di Montecristo meglio noto come Istituto Agrario Augusto Ciuffelli, la scuola di agricoltura più antica d’Italia.
Nel tempo un vecchio essiccatoio è andato via via dismesso e non utilizzato.
Grazie alla misura 7.4.1 del PSR della Regione dell’Umbria è stato possibile realizzare il presente progetto di restauro e risanamento conservativo con il fine di mantenere nel tempo questo patrimonio pubblico nella scuola più antica d’Italia.

Obiettivi
Esiste una condizione di disagio diffuso che investe l’intera fascia adolescenziale, legata alla crisi di transizione determinata dallo sviluppo della pubertà (disagio evolutivo) e ai condizionamenti della società complessa (disagio socio-culturale e psicofisico - cfr. Regione Umbria,  Giovani adolescenti in Umbria, AUR, Perugia 2014). 
Per il territorio tuderte e della Media Valle del Tevere occorre sviluppare in modo organico le politiche sociali messe in atto dai Comuni della Zona Sociale n. 4 a riguardo le problematiche relative al disagio giovanile: depressione, disturbi alimentari, uso di sostanze, alcolismo, dispersione scolastica, bullismo, disturbi dell’apprendimento, ecc. (cfr. Zona sociale n. 4, Piano di Zona). 
La capacità di risposta da parte degli Enti territoriali nei confronti di tali bisogni appare ancora limitata – rispetto alle necessità – e troppo è ancora lasciato a carico delle famiglie. Per tutto ciò, la proposta progettuale del nostro Ente ha due finalità:
- Promuovere nell’adolescente la capacità di affrontare in modo efficace e gratificante “compiti di sviluppo” del proprio “progetto di vita”;
- Aiutare i giovani a sviluppare gli strumenti necessari per una maggiore inclusione socio-lavorativa nella società di oggi. 
Questo anche il motivo per la scelta di realizzare tale attività in un immobile ubicato in prossimità dell’Istituto Agrario di Todi, che – nell’ambito agroalimentare – potrà sviluppare azioni di affiancamento e consulenza sul piano tecnico-operativo, come vero valore aggiunto al progetto stesso.
Il presente progetto prevede quindi la possibilità di realizzare laboratori per trasformare la materia prima in prodotti finiti realizzati da volontari, soci e soggetti diversamente abili. La possibilità di partecipare in modo attivo ai laboratori sarà consentita e aperta a tutte le associazioni umbre con finalità legate alla disabilità ed al miglioramento del benessere di soggetti svantaggiati. 
Il laboratorio sarà meta di visite scolastiche ed aperto alle scuole italiane e straniere di ogni ordine e grado. La collocazione in una storica sede scolastica tuderte consentirà di facilitare al massimo l'apertura e la fruibilità del progetto.  
   
Visto le premesse è stato disposto di avviare le procedure per l’attivazione della sottomisura 7.4. “Sostegno a investimenti finalizzati all’introduzione, al miglioramento o all’espansione di servizi di base a livello locale per la popolazione rurale, comprese le attività culturali e ricreative e delle relativa infrastruttura” – Intervento 7.4.1. “Sostegno investimenti creazione/miglioramento ampliamento servizi base alla popolazione rurale” del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020
della Regione Umbria con un progetto che prevede la realizzazione di nuovi servizi per l’invecchiamento attivo e di sostegno e supporto alla popolazione di Camerata e dei paesi nelle vicinanze, isolati rispetto al territorio comunale, presso il locale ex essiccatoio (in seguito individuato dopo aver in prima istanza richiesto una porzione di fabbricato facente parte della ex corte contadina a nord del complesso immobiliare.

Elenco degli interventi
Prima parte (da progetto)
- Interventi di conservazione
- Realizzazione di locali di servizio (bagni e deposito)
- Realizzazione degli impianti (elettrico, idrico e termico)
- Ampliamento delle aperture al piano terra
- Sostituzione degli infissi
- Restauro degli elementi lignei della copertura con aggiunta di isolamento termico
- realizzazione di una platea in cemento armato indipendente dalla struttura portante, al di sopra della quale saranno collocate nuove strutture (piccolo soppalco con scala di collegamento).
- nuova distribuzione interna prevede alcuni locali per servizi igienici e un piccolo deposito, il soppalco già indicato e una scala di collegamento
- interventi di manutenzione straordinaria con la revisione di alcuni elementi lignei, del manto di copertura e aggiunta di isolamento termico.

Perizia di variante in c.o.
A seguito di sopralluoghi e visite svolti dallo scrivente e dal collaudatore, anche alla presenza del R.u.p., nell’espletamento delle rispettive funzioni si è ravvisata la possibilità di migliorare alcune caratteristiche dell’immobile e delle componenti di cui è costituito, ed in particolare:
1. l’introduzione di intonaci performanti previa sabbiatura ai fini di una migliore solidarizzazione delle murature;
2. l’integrazione di elementi lignei in copertura in maniera da realizzare una sorta di coronamento interno/esterno in prossimità dell’imposta del tetto/copertura;
3. alcune variazioni non strutturali sul previsto soppalco, all’impiantistica e alle opere di finitura.
Ravvisate le circostanze di cui sopra, lo scrivente Direttore dei Lavori richiedeva al RUP, previa discussione e condivisione, l’autorizzazione alla redazione di una variante in corso d’opera ai sensi dell’art. 149, co. 2 del D.lgs. 50/2016 e s.m.i., entro il 20% dell’importo contrattuale, considerando la specificità del bene su cui si sta intervenendo (bene vincolato) in relazione a fatti verificatisi in corso d’opera al fine di adeguare l’impostazione progettuale per la migliore salvaguardia del bene e per il perseguimento degli obiettivi dell’intervento

Lavori di miglioria (utilizzo delle economie)
- La posa dei pozzetti di ispezione e controllo, prima e dopo la fossa imhoff, delle dimensioni di 60x60 con profondità di cm 150 muniti di chiusino in ghisa sferoidale con classe C250;
- La posa di sifone di ispezione;
- La posa della fossa imhoff di capacità massima 2000 Lt con messa in quota dei pozzetti delle
dimensioni di cm 40x40 con chiusino in ghisa sferoidale classe C250;
- Lo scavo a sezione, per posa tubazione, con profondità media di cm 150 e larghezza di cm 60;
- La posa di tubazione in PEAD per fognatura a doppia parete classe SN4 del diametro esterno di mm 200 ed interno di mm 176;
- Il rinfianco per circa cm 50 con sabbia;
- Il riempimento con stabilizzato;
- Il ripristino dello strato di finitura del piano di campagna in ghiaeitto.
- migliorie impianto elettrico

 

Ultimo aggiornamento

Giovedi 23 Maggio 2024